Cosa mangiano i piccoli di gallina?

Cosa mangiano i piccoli di gallina?
Stephen Davis

Le cinciallegre possono offrire ore di divertimento se hanno messo il nido vicino a casa vostra. Guardare questi minuscoli uccelli che volano avanti e indietro tutto il giorno, portando il cibo ai loro pulcini, è immensamente soddisfacente. Qualunque cosa stiano dando da mangiare a questi piccoli, deve esserci una scorta inesauribile, perché li nutrono con un flusso quasi costante di cibo per settimane e settimane. Quindi, cosa mangiano le cinciallegre?

Guarda anche: Imparate ad attirare i cardellini con questi 6 consigli

Cosa mangiano i piccoli di gallina?

Insetti, insetti e ancora insetti: bruchi, vermi, ragni, mosche e qualsiasi altra cosa i genitori riescano a catturare. Sembra però che i bruchi siano i preferiti, con i ragni al secondo posto.

Come i loro genitori, i piccoli di cinciallegra amano mangiare insetti. In realtà, probabilmente non sono troppo esigenti riguardo agli insetti che mangiano e ingeriscono volentieri qualsiasi insetto che i genitori portano loro. Le proteine e i grassi forniti dagli insetti sono molto importanti per la crescita e lo sviluppo dei giovani pulcini.

Quanto mangiano i piccoli di gallina?

Poiché sembra che i genitori non smettano mai di nutrirli durante il giorno, i piccoli di cinciallegra devono mangiare molto: si stima infatti che siano necessari da 6.000 a 9.000 bruchi per allevare una nidiata di circa cinque pulcini di cinciallegra!

Gli uccelli in crescita hanno un appetito infinito e continueranno a mangiare finché i genitori continueranno a portargli il cibo. Le giovani cinciallegre vengono nutrite dai genitori dalla nascita, per tutta la durata del nido e anche 2-4 settimane dopo aver lasciato il nido. Se avete un giardino, avere delle cinciallegre che nidificano nelle vicinanze deve essere di grande aiuto, perché probabilmente mangeranno tutti gli insetti nocivi prima ancora che vi accorgiate della loro presenza.

Quando i piccoli sono appena nati e devono essere tenuti al caldo finché non spuntano le piume, il maschio si occupa della maggior parte della raccolta del cibo. Dopo una settimana, la femmina inizia a lasciare il nido e ad aiutare nella caccia, e dopo circa due settimane sia i maschi che le femmine cacciano in egual misura.

Perché mangiano così tanti bruchi?

Gli osservatori più attenti notano che i bruchi sono uno degli alimenti più comuni che i genitori portano con sé per i piccoli di cinciallegra. Anche se non ne conosciamo il motivo, probabilmente non è perché i bruchi sono più nutrienti o più gustosi di altri alimenti disponibili.

Di solito le cicaline allevano i loro pulcini nello stesso periodo dell'anno in cui escono i bruchi, prima che questi si avvolgano nei loro bozzoli e si trasformino in farfalle. Di conseguenza, ci sono molti bruchi in giro e sono piuttosto facili da catturare rispetto a molti altri insetti. Così, finiscono per diventare una parte importante della vita di una cicalina.dieta.

Le galline mangiano altre cose?

Oltre ai bruchi, le cinciallegre mangiano praticamente qualsiasi insetto o aracnide che riescono a catturare. I ragni sono un altro cibo comune per le cinciallegre. I genitori afferrano tutto quello che possono per cercare di tenere il passo con l'insaziabile appetito dei loro piccoli.

Le cinciallegre adulte mangiano molti insetti, ma anche frutta e semi. In realtà si rivolgono a queste fonti di cibo solo in autunno e in inverno, quando gli insetti scarseggiano, e a quel punto i piccoli sono già cresciuti e hanno lasciato il nido. Ciò significa che si nutrono solo di insetti finché non sono cresciuti completamente.

Come fanno le cornacchie a catturare così tanti insetti?

Le cinciallegre sono piccole e veloci, proprio come gli insetti di cui si nutrono. A volte li catturano in volo, ma più spesso saltellano lungo i rami degli alberi alla ricerca di prede più facili, come i bruchi. Si sa anche che si appendono a testa in giù ai rami mentre cacciano.

Spesso si possono vedere pulcini adulti con più insetti nel becco. Poiché i pulcini possono mangiare quasi ininterrottamente, spesso afferrano tutti gli insetti che riescono a mettere in bocca a ogni viaggio. Continuano a cercare lungo i rami degli alberi fino a quando non trovano più insetti o non riescono più a metterli in bocca, e allora tornano al nido.

Come nutrire i pulcini

Se dovete nutrire un piccolo di pulcino, usate una miscela di cibo umido per cani/gatti, cereali di riso umidi/impastati e tuorlo d'uovo sodo. Diluite il tutto con acqua e mescolate fino a formare una pasta, da somministrare con un contagocce. Tuttavia, in generale non si dovrebbe tentare di farlo da soli, e ne spiegheremo il motivo più avanti.

Guarda anche: I colibrì hanno dei predatori?

Non date per scontato che un nido con piccoli di cinciallegra senza genitori visibili sia stato abbandonato. Nella maggior parte dei casi, gli adulti sono nelle vicinanze a cercare cibo e tornano periodicamente per nutrire i piccoli. A volte le poppate possono essere rapide e gli adulti si fermano solo per un minuto prima di andarsene a cercare di nuovo il cibo. Poiché potreste facilmente perdere questo processo rapido, dovreste osservare un nido senza sosta (non pochiminuti alla volta) per almeno qualche ora prima di poter stabilire se i bambini sono stati potenzialmente abbandonati.

Contattare un esperto di riabilitazione della fauna selvatica

Se si è accertato che i genitori non tornano, è importante rivolgersi a un riabilitatore di uccelli qualificato. In molti Stati, solo gli specialisti di riabilitazione certificati possono essere in possesso di uccelli selvatici, senza contare che sono addestrati a prendersi cura esattamente di ogni specie.

La cura dei piccoli può essere molto lunga e specifica. Molti nidiacei devono essere nutriti ogni 20 minuti circa per 12-14 ore al giorno: si tratta di una quantità di tempo e di attenzioni costanti. Inoltre, per crescere correttamente, hanno bisogno di una dieta bilanciata con proteine e sostanze nutritive sufficienti. Ecco perché la conoscenza e l'esperienza di un riabilitatore sono la migliore garanzia di sopravvivenza.

Se vi mettete in contatto con un riabilitatore che non è in grado di accogliere subito le cinciallegre, può istruirvi su come prendersene cura fino a quando non potrà ritirarle. Per trovare un riabilitatore vicino a voi, cercate su Google il nome del vostro stato e "wildlife rehabilitation", oppure consultate la pagina del dipartimento dell'ambiente del vostro stato per un elenco di riabilitatori autorizzati.

Come attirare i pulcini adulti

Poiché si nutrono di molti insetti, molte persone amano attirare le cinciallegre nei loro cortili nella speranza che riducano la popolazione di insetti. Fortunatamente, attirare le cinciallegre è piuttosto facile. Sono uno degli uccelli da cortile più audaci e curiosi.

Una semplice mangiatoia per uccelli è sufficiente. Le cinciallegre mangiano la maggior parte dei tipi di semi, in particolare i semi di girasole nero. Se ci sono cinciallegre nella vostra zona, è probabile che la trovino rapidamente.

Anche l'installazione di una casetta per uccelli è un buon modo per attirare le cinciallegre. Gli adulti iniziano a cercare siti di nidificazione verso la fine dell'inverno, quindi è il momento di installare una casetta per uccelli per cinciallegre. In questo modo si riduce al minimo il rischio che altri uccelli si insedino. Una casetta per uccelli per cinciallegre ideale avrà un foro d'ingresso di uno o un quarto di pollice, centrato a quindici centimetri dal pavimento della casetta.

Conclusione

I piccoli di cinciallegra si nutrono di una grande quantità di insetti, soprattutto bruchi, che consumano a migliaia prima di diventare adulti e che continueranno a mangiare anche da adulti, anche se la loro dieta diventa più varia.




Stephen Davis
Stephen Davis
Stephen Davis è un appassionato birdwatcher e appassionato di natura. Studia il comportamento e l'habitat degli uccelli da oltre vent'anni e ha un particolare interesse per il birdwatching da cortile. Stephen crede che nutrire e osservare gli uccelli selvatici non sia solo un hobby piacevole, ma anche un modo importante per entrare in contatto con la natura e contribuire agli sforzi di conservazione. Condivide le sue conoscenze ed esperienze attraverso il suo blog, Bird Feeding and Birding Tips, dove offre consigli pratici su come attirare gli uccelli nel tuo giardino, identificare diverse specie e creare un ambiente favorevole alla fauna selvatica. Quando Stephen non fa birdwatching, ama fare escursioni e accamparsi in remote aree selvagge.