22 fatti interessanti sui beccaccini dal petto rosa

22 fatti interessanti sui beccaccini dal petto rosa
Stephen Davis

Sebbene non siano visibili sulle cime degli alberi, durante la primavera e l'estate nordamericana è possibile ascoltare i bellissimi canti dei grossi pettirossi. Questi uccelli comuni negli habitat boschivi hanno un aspetto sorprendente e sono uno spettacolo da vedere, sia che siate birdwatcher dilettanti che professionisti. Continuate a leggere per saperne di più su di loro con queste 22 informazioni sui grossi pettirossi.

Guarda anche: Le 6 migliori mangiatoie per uccelli montate su palo

22 curiosità sui grosbeak dal petto rosa

1. I maschi e le femmine di grosbeak dal petto rosa sono di colore diverso.

I maschi adulti hanno le parti inferiori e il muso bianchi che contrastano con il nero della testa, del dorso, delle ali e della gola. I maschi presentano anche un sottoala rosso-rosa, che prende il nome dalla macchia rosa-rossa che hanno sul petto. Le femmine, invece, sono marroni e fortemente striate, con un sottoala giallastro.

2. I maschi di grosbeak dal petto rosa fanno la muta per l'inverno

Prima della migrazione, i maschi assumono il piumaggio invernale che comprende striature scure sui fianchi e sui lati, testa e parti superiori bordate di marrone e groppone barrato.

3. I grossi pettirossi sono monogami

Una volta che un maschio attira una femmina, i due rimangono insieme nei territori stabiliti dal maschio. Sia i maschi che le femmine si dividono equamente i compiti di incubazione e alimentazione.

4. Maschio e femmina costruiscono nidi insieme.

I maschi e le femmine lavorano insieme per scegliere il sito del nido e costruirlo. La costruzione del nido può durare da 4 a 9 giorni, dall'alba al tramonto. Utilizzano vari materiali, tra cui ramoscelli, erbe, steli di erbacce, bastoni grossolani, peli, paglia, radichette e ramoscelli decomposti.

5. I nidi di grossi pettirossi sono costruiti in modo sottile.

A volte i loro nidi sono costruiti in modo così sottile e inconsistente che è possibile vedere i contorni delle uova attraverso di essi. Si ritiene che l'uso di ramoscelli biforcuti aiuti a tenere insieme il nido.

6. I grosbeak dal petto rosa hanno uova colorate

Le uova, da 1 a 5 per frizione, sono di colore blu o verde chiaro con macchie violacee o bruno-rossastre. Le uova sono lunghe circa un centimetro e larghe da 0,6 a 0,8 pollici, con un periodo di incubazione di 11-14 giorni.

7. Il suono dei grosbeak dal petto rosa è simile a quello dei picchi e dei pettirossi.

Questi uccelli emettono un suono acuto e rosato che ricorda il richiamo del picchio, ma hanno anche un gorgheggio più dolce che sembra una versione più dolce del canto del pettirosso americano.

8. I maschi di grossezza dal petto rosa possono cantare fino a 689 canzoni al giorno.

Quando si tratta della stagione riproduttiva e di pubblicizzare i loro territori, i maschi fanno uno sforzo in più con i loro canti melodici: possono cantare fino a 689 canti al giorno per attirare una compagna.

9. I maschi di grossezza dal petto rosa cantano mentre incubano le uova

Incaricato di condividere i compiti di incubazione con le femmine, il maschio di grossezza è noto per cantare il suo famoso gorgheggio dal suono dolce mentre è seduto sul nido.

10. I grosbeak dal petto rosa si riproducono in Nord America

L'areale di riproduzione di questi uccelli è costituito da foreste umide di latifoglie, foreste di latifoglie-conifere, habitat semiaperti e boscaglie in tutto il nord-est degli Stati Uniti, ma anche nel Canada centrale e sud-orientale. In autunno migrano verso il Sud e il Centro America per svernare.

11. I grossi pettirossi sono forti volatori di resistenza.

Dovendo sorvolare il Golfo del Messico durante la migrazione, questi uccelli sono forti volatori e possono percorrere facilmente oltre 500 miglia senza scalo. Iniziano la loro migrazione a fine settembre o ottobre e tornano alle zone di riproduzione a fine aprile o inizio maggio.

12. I grossi pettirossi possono volare in stormi di 50 uccelli.

Sebbene migrino singolarmente o in coppia, è possibile vederli volare attraverso l'America in stormi sciolti di circa 50 esemplari. A volte gli stormi comprendono anche altre specie.

13. I falchi sono i principali predatori del grosbeak dal petto rosa.

Il falco di Cooper e il falco dal ciuffo sono due dei principali predatori che cacciano il grossi pettirossi in natura.

14. I grossi pettirossi hanno diversi predatori di nidi.

Questi uccelli difendono aggressivamente e rumorosamente i loro nidi da vari predatori, come ghiandaie azzurre, gracchi e scoiattoli rossi e grigi.

15. I grossi pettirossi sono territoriali durante la stagione riproduttiva.

Sono uccelli molto aggressivi durante la stagione riproduttiva per difendere i nidi dai predatori. Le coppie riproduttive tollerano i maschi migratori se l'intruso nel loro territorio è silenzioso.

Le femmine, tuttavia, sono note per allontanare altre femmine che si avvicinano al loro compagno. Al di fuori della stagione riproduttiva, invece, sono uccelli socievoli e vagano per le terre in gruppi di una dozzina o più di individui.

Guarda anche: 13 esempi di uccelli che nidificano al suolo (con immagini) Immagine: theSOARnet

16. I grossi pettirossi sono onnivori

Durante la stagione riproduttiva, questi uccelli si nutrono di insetti, frutta selvatica e semi, tra cui semi di girasole, more e lamponi, mentre durante la migrazione autunnale si dedicano soprattutto alle bacche. A volte si nutrono strappando a mezz'aria insetti come api, farfalle e falene.

17. I grossi pettirossi sono diurni

Più attivi durante il giorno, si possono trovare in cerca di cibo su alberi e arbusti o a catturare insetti in volo, ma durante la migrazione volano anche di notte.

18. I grosbeak dal petto rosa hanno becchi enormi

Sebbene il loro enorme becco sia ben progettato per mangiare i semi, si rivela utile anche quando si nutre di insetti con esoscheletro resistente, come grilli e grosse cavallette.

19. I grosbeak dal petto rosa svolgono un ruolo importante nell'ecosistema

Grazie alle loro abitudini alimentari, questi uccelli sostengono gli ecosistemi in cui vivono disperdendo semi e controllando le popolazioni di insetti.

20. I grossi pettirossi sono bravi a nascondersi.

Questi uccelli sono piuttosto timidi nei confronti dell'uomo e possono essere difficili da individuare in natura, nonostante la colorazione brillante del maschio. In genere rimangono nascosti, cantando nelle chiome delle foreste. Se volete intravederli nel vostro giardino, mettete dei semi di girasole nero di alta qualità nel vostro mix di mangiatoie per uccelli.

21. I grossi pettirossi vengono catturati per la vendita

A causa del loro bel verso e dell'aspetto unico, questi uccelli vengono spesso catturati e venduti come uccelli da gabbia nel loro areale di svernamento in America centrale e meridionale.

22. I grossi pettirossi sono comunemente confusi con il grossekapo nero.

Sebbene il piumaggio del maschio adulto sia inconfondibile, la colorazione delle femmine e dei maschi di primo autunno può essere simile a quella della femmina di grossezza dalla testa nera. Anche il loro canto è simile.

Conclusione

Migratori di lungo corso che trascorrono i mesi primaverili ed estivi in Nord America, i grossi pettirossi sono uccelli straordinari e noti per le loro belle capacità canore.

A seconda del luogo in cui vivete, potreste vedere questi timidi migratori in natura: potreste vedere un maschio cantare dai rami, mentre costruisce un nido o mentre incuba le uova. Spesso vediamo i grosbeak dal petto rosa alle nostre mangiatoie all'inizio della primavera, mentre migrano.




Stephen Davis
Stephen Davis
Stephen Davis è un appassionato birdwatcher e appassionato di natura. Studia il comportamento e l'habitat degli uccelli da oltre vent'anni e ha un particolare interesse per il birdwatching da cortile. Stephen crede che nutrire e osservare gli uccelli selvatici non sia solo un hobby piacevole, ma anche un modo importante per entrare in contatto con la natura e contribuire agli sforzi di conservazione. Condivide le sue conoscenze ed esperienze attraverso il suo blog, Bird Feeding and Birding Tips, dove offre consigli pratici su come attirare gli uccelli nel tuo giardino, identificare diverse specie e creare un ambiente favorevole alla fauna selvatica. Quando Stephen non fa birdwatching, ama fare escursioni e accamparsi in remote aree selvagge.