12 fatti sulle tanaglie scarlatte (con foto)

12 fatti sulle tanaglie scarlatte (con foto)
Stephen Davis

I tanagers scarlatti sono visitatori estivi piuttosto esotici degli Stati Uniti orientali. I maschi danno un tocco di rosso insolitamente brillante alle verdi foreste frondose. Nonostante il loro aspetto audace, sono spesso difficili da individuare perché nidificano e cacciano insetti in alto sulle cime degli alberi. In questo articolo esaminiamo 12 fatti sui tanagers scarlatti, tra cui come identificare i loro richiami e alcune curiositàcaratteristiche.

12 fatti sulle tanaglie scarlatte

1. In primavera i sessi hanno un piumaggio molto diverso.

Durante la stagione riproduttiva, i maschi sono di un rosso scarlatto brillante su tutto il corpo, tranne che per le ali e la coda di colore nero. La femmina è di un colore giallo-verde pastello con le ali crepuscolari. Ha una definizione molto bassa tra la profondità dei colori sul corpo, ma il dorso, la coda e le ali sono di un verde più scuro rispetto al petto e alla parte inferiore.

2. I maschi cambiano colore durante l'inverno.

Le caratteristiche piume nere e scarlatte del maschio di Tanager scarlatto sono presenti solo per una parte dell'anno, la stagione riproduttiva primaverile ed estiva. Al termine della stagione riproduttiva, il maschio muta assumendo un piumaggio simile a quello della femmina, quindi migra verso sud per l'inverno. Le femmine sono giallo-verdi per tutto l'anno e non cambiano colore come i maschi.

3. Migrano tra il Nord e il Sud America.

Il Nord America è la patria delle tanagridi scarlatte, che trascorrono l'estate negli Stati Uniti orientali e il loro areale si ferma appena al sud-est. In autunno, la tanagriga migra verso sud, attraversando l'Oceano Caraibico e raggiungendo il Sud America, dove sverna sulle montagne andine, tra cui i paesi di Colombia, Ecuador e Perù.

4. Preferiscono vivere in foreste con alberi alti e frondosi.

Le tanagers scarlatte prediligono le foreste mature e decidue. Per gli uccelli che amano gli insetti, le foreste mature hanno popolazioni consolidate di insetti diversi. La chioma della foresta offre anche una maggiore sicurezza e protezione da alcuni predatori rispetto alle foreste più giovani con alberi più corti.

La loro preferenza è per i grandi tratti di foresta ininterrotti. La loro disponibilità ad adattarsi a un habitat frammentato di piccole macchie di foresta sembra variare a seconda della regione. Cornell riferisce che negli Stati Uniti nordorientali possono essere trovati in piccole macchie di foresta, mentre sono per lo più assenti da piccole macchie di foresta nel Midwest.

fonte: Kelly Colgan Azar

5. Raramente visitano le mangiatoie per uccelli.

Le tanagers scarlatte si nutrono principalmente di insetti e integrano la loro dieta con bacche, per cui è raro vederle alla mangiatoia del giardino. La loro dieta comprende coleotteri, cicale, mosche, api, termiti, cavallette e ragni.

Guarda anche: 15 tipi di uccelli che iniziano per E (con foto)

Non temete, però: potreste ancora invogliarli a visitare il vostro giardino! Mantenete gli alberi ad alto fusto e prendete in considerazione la possibilità di piantare alcuni cespugli di bacche come il gelso, la mora e il mirtillo nero. A loro piacciono anche i giochi d'acqua, soprattutto quando fuori fa caldo.

6. Sia i maschi che le femmine cantano.

A differenza di molte specie di uccelli canori in cui a cantare è solo il maschio, la femmina di tanera scarlatta canta anch'essa, comunicando con le altre femmine e con il compagno attraverso una serie di cinguettii, fischi e cinguettii. Le femmine cantano in tandem con i maschi mentre raccolgono il materiale per il nido o si procurano il cibo. Anche se le femmine tendono a usare una voce più morbida e un canto leggermente meno complicato rispetto ai maschi.

I maschi cantano di più perché devono impressionare le femmine e difendere il loro territorio, ma il canto è comunque una componente importante della rete sociale della femmina di tanera scarlatta.

Tangente scarlatta (maschio non riproduttivo) che mangia bacche

7. I loro nidi sono spesso parassitizzati dall'uccello della regina.

Le femmine di tanager si approfittano spesso degli uccelli codabianca. Le femmine di uccello codabianca agiscono come parassiti del nido deponendo le proprie uova nel nido del tanager. L'uovo dell'uccello codabianca si schiude di solito per primo e cresce più grande e più velocemente dei pulcini del tanager. Il piccolo di uccello codabianca spesso si procura maggiori possibilità spingendo fuori dal nido le altre uova o i piccoli.

Se i tanager vedono un merlo acquaiolo aggirarsi nei pressi di un nido, lo scacciano, ma se non vedono il merlo acquaiolo, spesso finiscono per allevare accidentalmente un pulcino del parassita.

8. I maschi sfoggiano le loro piume rosse e nere per corteggiare le femmine.

Il maschio di Tanager scarlatto mette a frutto il suo piumaggio riproduttivo: in genere arriva negli Stati Uniti un po' prima della femmina (metà maggio) e stabilisce il suo territorio riproduttivo attraverso battaglie canore con altri maschi. Queste battaglie non si concludono con un combattimento, ma con un'esibizione di piume e, nel peggiore dei casi, con un inseguimento un po' aggressivo.

Una volta stabilito il territorio, ogni maschio si adopera per corteggiare una femmina per ogni stagione riproduttiva. Esegue la danza di corteggiamento su un ramo sotto la femmina, distende la coda e mette in mostra la colorazione delle ali.

Maschio di tanera scarlatta in cerca di cibo

9. La femmina svolge la maggior parte del lavoro di allevamento dei pulcini.

Dopo l'accoppiamento, la femmina costruisce il nido, incuba le uova macchiate di blu-verde e si occupa di circa metà dell'alimentazione dei pulcini. I maschi difendono il territorio da potenziali minacce e da altre tantere scarlatte competitive e aiutano a nutrire i pulcini dopo la schiusa.

In alcune situazioni, i maschi si occupano meno del nutrimento. Dopo circa 2 settimane, i piccoli schiudono, ma restano comunque vicini ai genitori per altre due settimane. Entrambi i genitori possono nutrirli durante questo periodo, o a volte solo la madre.

10. Costruiscono i loro nidi in alto sugli alberi.

La femmina della tana scarlatta costruisce il suo nido a un'altezza compresa tra i 6 e i 6 metri da terra, di solito scegliendo una quercia, ma anche altri alberi a foglia caduca. Posizionare il nido più in alto nella chioma dell'albero lo tiene nascosto ai predatori, soprattutto a quelli che non sanno arrampicarsi.

Guarda anche: 15 uccelli unici che iniziano con la lettera O (foto)

Le femmine preferiscono costruire nidi con un chiaro punto di osservazione al suolo e facilmente accessibili da più angolazioni.

Femmina di tanera scarlatta

11. Identificarli in base alle loro chiamate.

È molto più probabile sentire un Tanager scarlatto prima di vederlo: come abbiamo detto, trascorre la maggior parte della sua vita in alto, sulla chioma degli alberi, nascosto dalle foglie.

Se state facendo delle escursioni estive nei boschi, ascoltate il richiamo dei pulcini, emesso sia dai maschi che dalle femmine. Una volta udito, cercate dei lampi di colore scarlatto: sarà più facile individuare il maschio.

12. Le tanagers scarlatte frequentano tutti i tipi di uccelli durante l'inverno.

Il Sudamerica ospita migliaia di specie di uccelli, molte delle quali svernano sulle Ande, come il Tanager scarlatto, che durante i mesi invernali vive insieme ad altre specie di uccelli in grandi stormi misti.

I vantaggi di vivere in stormi misti includono una minore percentuale di predazione e maggiori possibilità di trovare cibo. I giovani uccelli hanno l'opportunità di osservare gli uccelli più anziani e di imparare a imitare il loro comportamento.




Stephen Davis
Stephen Davis
Stephen Davis è un appassionato birdwatcher e appassionato di natura. Studia il comportamento e l'habitat degli uccelli da oltre vent'anni e ha un particolare interesse per il birdwatching da cortile. Stephen crede che nutrire e osservare gli uccelli selvatici non sia solo un hobby piacevole, ma anche un modo importante per entrare in contatto con la natura e contribuire agli sforzi di conservazione. Condivide le sue conoscenze ed esperienze attraverso il suo blog, Bird Feeding and Birding Tips, dove offre consigli pratici su come attirare gli uccelli nel tuo giardino, identificare diverse specie e creare un ambiente favorevole alla fauna selvatica. Quando Stephen non fa birdwatching, ama fare escursioni e accamparsi in remote aree selvagge.