10 fatti sui tanagers del paradiso (con foto)

10 fatti sui tanagers del paradiso (con foto)
Stephen Davis

Le escursioni in Sud America possono portare alla scoperta di un'infinità di specie di uccelli, tra cui un uccello dai colori vivaci e un po' misterioso, il Paradise Tanager. Non si sa molto su questi splendidi uccelli della foresta pluviale, ma abbiamo raccolto il maggior numero di informazioni sul Paradise Tanager che siamo riusciti a trovare.

Fatti sui tanagers del Paradiso

Il Paradise Tanager è un uccello nativo dell'America del Sud e si trova soprattutto nella parte settentrionale del continente. Sebbene questi uccelli siano piuttosto comuni nelle loro aree di origine, non sono stati oggetto di molte ricerche e gli scienziati sperano di saperne di più su questi uccelli speciali.

Tanager del Paradiso appollaiato

Ecco alcune curiosità sul tanager del paradiso per gli amanti degli uccelli che vogliono saperne di più su questa bellissima specie.

1. I tanager del Paradiso sono vivacemente multicolore

Le tanagers del Paradiso sono note soprattutto per il loro piumaggio dai colori vivaci: le ali, il becco, la nuca e la coda neri costituiscono il perfetto sfondo di contrasto per i loro colori altrimenti simili a quelli dei neon.

Presentano una maschera giallo-verde brillante sul viso e sugli occhi, una gola viola, petto e ventre blu brillante e una macchia rossa o gialla sulla parte inferiore della schiena.

Guarda anche: 15 fatti sul fringuello di Gouldi (con immagini)

È inoltre notoriamente difficile distinguere tra maschi e femmine di Paradise Tanagers, in quanto hanno un aspetto quasi identico l'uno all'altro. A differenza di altri uccelli, maschi e femmine hanno la stessa colorazione.

Tanager del Paradiso

2. I tanager del Paradiso sono originari del Sud America.

Le tanagers del paradiso non sono migratrici e sono originarie di diversi paesi del Sud America. Nonostante il loro nome scientifico Tangara chilensis Dove si trovano questi uccelli colorati sono le foreste umide tropicali e subtropicali di Perù, Venezuela, Colombia, Bolivia, Ecuador e Brasile.

3. Esistono quattro sottospecie di tanager del Paradiso

Il tanager del paradiso è composto da quattro sottospecie: caelicolor, chilensis, chlorocorys e paridisea. Il tanager del paradiso più diffuso è quello della sottospecie chilensis.

Guarda anche: 31 informazioni rapide sulle civette delle nevi

Ogni sottospecie si distingue per la sua posizione e alcune hanno una colorazione leggermente diversa, come il dorso rosso rispetto a quello giallo e rosso.

Tanager del Paradiso

4. I tanagers del paradiso sono uccelli onnivori

I Paradise Tanagers sono onnivori e si nutrono principalmente di frutta, ma integrano la loro dieta con insetti e possono anche consumare nettare da vari fiori.

Questa specie di uccello consuma la maggior parte dei suoi pasti nelle chiome della foresta amazzonica e cerca frutta e insetti sotto i rami degli alberi più alti.

5. I Paradise Tanagers si trovano più spesso in habitat boschivi.

Oltre a vivere nella Foresta Amazzonica, i Paradise Tanager prediligono anche qualsiasi habitat forestale o boschivo in pianura. Il più delle volte è possibile avvistare un Paradise Tanager nelle chiome dell'Amazzonia, mentre si foraggia per il prossimo pasto, e a volte è possibile avvistarlo anche a livello intermedio.

Paradise Tanager che mostra i suoi colori posteriori

6. I tanagers del Paradiso viaggiano in piccoli gruppi, a volte con specie diverse.

Le tanagers del paradiso preferiscono spostarsi in piccoli stormi di circa 5-15 uccelli e talvolta si mescolano con gruppi di altre specie, come altre tanagers e picchiatori. Tendono a essere meno socievoli durante la stagione della nidificazione e a frequentare maggiormente altri uccelli durante la stagione dicembre-aprile.

7. I tanagers del paradiso hanno una varietà di richiami di uccelli annotati.

Questa specie di uccelli ha tre richiami distinti che utilizza in qualsiasi momento: un suono acuto "chak", un suono crescente "zeee" e un suono alto "sizit" che viene cantato o vocalizzato rapidamente. Si uniscono al coro dell'alba come prima cosa al mattino.

8. Le tanagers del paradiso costruiscono nidi a forma di coppa

La tipica stagione degli amori per la specie Paradise Tanager va da giugno a fine agosto. Prima di deporre le uova, le Paradise Tanager costruiscono un nido con la vegetazione della foresta a forma di coppa. Questi nidi vengono formati nello strato della chioma per proteggersi dai predatori.

Il tipo di vegetazione comunemente utilizzato comprende pezzetti di foglie, muschio lichenico, erbe e persino un tipo di fungo bianco. La femmina è la costruttrice del nido, mentre i maschi la seguono durante la costruzione.

Tanager del Paradiso tra i rami

9. I tanager del paradiso depongono 2-4 uova alla volta

La femmina del Paradise Tanager depone 2-4 uova nel piccolo nido e le cova per poco più di due settimane. Poiché maschi e femmine hanno un aspetto sostanzialmente identico, i ricercatori non dispongono di dati validi per stabilire se i maschi contribuiscono a covare le uova a turno.

Una volta nati, i piccoli vengono nutriti con piccoli ragni e bruchi.

10. Non disponiamo di dati precisi per la specie Paradise Tanager.

A differenza degli uccelli che si trovano nel giardino di casa e che sono facili da contare e studiare per gli scienziati, per il tanager del paradiso i dati sono scarsi. A causa del loro habitat remoto nella foresta pluviale e della loro propensione a rimanere sulla chioma degli alberi, sono difficili da trovare e da studiare, per non parlare di avere una buona idea della loro densità di popolazione. Attualmente non è considerato una specie in pericolo o minacciata.




Stephen Davis
Stephen Davis
Stephen Davis è un appassionato birdwatcher e appassionato di natura. Studia il comportamento e l'habitat degli uccelli da oltre vent'anni e ha un particolare interesse per il birdwatching da cortile. Stephen crede che nutrire e osservare gli uccelli selvatici non sia solo un hobby piacevole, ma anche un modo importante per entrare in contatto con la natura e contribuire agli sforzi di conservazione. Condivide le sue conoscenze ed esperienze attraverso il suo blog, Bird Feeding and Birding Tips, dove offre consigli pratici su come attirare gli uccelli nel tuo giardino, identificare diverse specie e creare un ambiente favorevole alla fauna selvatica. Quando Stephen non fa birdwatching, ama fare escursioni e accamparsi in remote aree selvagge.