10 fatti interessanti sulle zampe dei gufi

10 fatti interessanti sulle zampe dei gufi
Stephen Davis

Anche se i gufi sono comuni in molti paesi, conservano una reputazione di mistero e superstizione. Se si riesce ad avvistarne uno, spesso è appollaiato su un albero con le zampe e le zampe per lo più nascoste. I recenti video e le foto diffuse su Internet delle lunghe zampe dei gufi hanno stuzzicato la curiosità di molti. In questo articolo vedremo 10 fatti interessanti sulle zampe dei gufi.

10 fatti sulle zampe dei gufi

Per un uccello che si vede spesso appollaiato e accucciato, vedere la vera lunghezza delle zampe di un gufo può essere una bella sorpresa! Sebbene le proporzioni delle zampe di un gufo possano a volte farlo sembrare stupido, è anche una testimonianza di quanto questi bellissimi uccelli siano ben adattati alla loro nicchia ecologica.

1. Le zampe di un gufo hanno piedi artigliati perfidamente affilati

I gufi hanno quattro dita per piede: due puntano in avanti, una all'indietro e la punta più esterna può andare in entrambe le direzioni. Ogni artiglio è affilato come un rasoio e può facilmente far uscire il sangue o impalare la preda al momento dell'impatto. L'affilatezza degli artigli dei gufi è uno dei motivi per cui chi si occupa di animali e biologi usa guanti di pelle spessa per tenere in mano queste creature.

La preda non ha scampo quando viene afferrata da queste tenaglie.

Gufo delle nevi che trasporta una preda

2. I gufi afferrano le prede dall'aria utilizzando le zampe

I gufi sono carnivori, cioè catturano e mangiano altri animali per vivere. Per cacciare con successo, questi rapaci si appollaiano su un albero alto o su un cespuglio vicino a un'area aperta, come un campo o una radura. Una volta individuata la preda desiderata, volano silenziosamente verso di essa e la afferrano rapidamente allungando le zampe e allargando gli artigli.

Dopo aver catturato la cena, il gufo potrebbe mangiare sul posto, ma è più probabile che l'uccello voli in un luogo sicuro e appartato per consumare il suo pasto in pace.

3. Le zampe di un gufo sono lunghe rispetto alle dimensioni del suo corpo.

Le vere dimensioni delle zampe dei gufi sono spesso nascoste dalle ali e dagli spessi strati di piume, e questo è uno dei motivi per cui può essere una sorpresa vedere che le zampe di un gufo possono misurare fino alla metà dell'altezza del suo corpo!

Inoltre, le zampe dei gufi sono magre e sottili per ridurre la resistenza dell'aria durante il volo. La maggior parte dei muscoli delle zampe dell'uccello si trova più vicino al corpo, nella coscia, riducendo così la resistenza che potrebbe rallentare il gufo.

Barbagianni che mostra le sue lunghe zampe piumate

4. Le zampe dei gufi hanno ossa dello stinco più lunghe delle ossa della coscia

I gufi hanno femori corti e tibie lunghe, al contrario degli esseri umani. Questo può essere uno dei motivi per cui le zampe dei gufi hanno un aspetto così strano: è una proporzione a cui non siamo abituati.

Inoltre, quella che si può pensare sia la caviglia di un gufo è probabilmente l'articolazione tra le dita dei piedi e il mesopiede: le dita dei gufi possono essere lunghe quasi la metà dell'osso della coscia.

5. I gufi hanno le piume anche sulle zampe

I motivi per cui le piume delle zampe sono fondamentali per i gufi sono molteplici. Ai gufi adulti crescono le piume sulle zampe per trattenere il calore negli ambienti freddi e per proteggere la loro pelle delicata dalle ferite. Alcuni hanno piume anche sulle zampe, mentre altri non le hanno.

La presenza di piume sulle zampe riduce il rumore che i gufi emettono quando scendono in picchiata per catturare una preda e può anche aiutare l'uccello a mimetizzarsi nell'ambiente.

I gufi delle nevi, che vivono in climi freddi molto a nord, hanno zampe e piedi pesantemente piumati, mentre i gufi scavatori dei climi caldi della Florida, del Texas e del Messico hanno zampe dall'aspetto molto spoglio.

I gufi delle nevi hanno piume abbondanti sulle zampe, sui piedi e sulle dita, tanto che hanno le piume delle dita dei piedi più lunghe di qualsiasi altra specie di gufo.

6. I gufi si schiudono con le zampe rosa nude

I piccoli di gufo si chiamano civette e sono indifesi e ciechi quando si schiudono dalle uova. ma le cose cambiano rapidamente: le civette si ingrossano rapidamente sulle zampe nude.

A seconda della specie di gufo, la crescita delle piume può essere più rapida o più lenta: è più probabile che ai gufi degli ambienti più freddi cresca una folta peluria lungo le zampe rispetto ai gufi dei climi temperati e tropicali.

Durante la fase di sviluppo in cui i piccoli sono ricoperti di soffice piumino, ma non sono ancora cresciuti nelle loro piume adulte, possono apparire piuttosto snelli: le loro zampe sembrano più lunghe e l'intero corpo può apparire alto e sottile rispetto al genitore.

Tuttavia, si tratta solo di un'illusione: gli adulti hanno le stesse proporzioni, ma appaiono più rotondi e con le zampe più corte, perché i loro strati di piume adulte appesantiscono l'aspetto della loro forma.

Guarda anche: Come conservare i semi di uccelli selvatici (3 modi semplici) Questo giovane gufo dalle grandi corna si alza in piedi per rivelare le sue lunghe zampe pelose

7. I gufi possono camminare e persino correre

Le robuste zampe dei gufi consentono loro di camminare e persino di correre a terra: non è una condizione ottimale, visto che in piedi non possono attaccare bene le prede, ma li aiuta a saltare da un ramo all'altro e a spostarsi da un luogo all'altro.

I gufi viaggiatori sono più adattati alla vita sul terreno: le loro zampe sono potenti e possono correre facilmente dentro e fuori dalle ampie tane sotterranee. A volte, corrono anche dietro alle lucertole e le catturano sul terreno.

Guarda anche: 17 curiosità sui picchi

8. I gufi "pescano" con le zampe

Alcuni gufi, come il gufo delle nevi, catturano i pesci usando le zampe. John Audubon stesso ha visto questo uccello sdraiarsi su una roccia vicino a un ruscello e aspettare che un pesce si avvicinasse alla superficie dell'acqua. Quando lo faceva, il gufo si lanciava rapidamente con gli artigli, catturava il pesce e lo mangiava.

Altre specie di gufi possono cacciare i pesci appollaiandosi su un ramo vicino a un ruscello o a un lago; una volta avvistata la preda, volano giù, sfiorano la superficie dell'acqua con gli artigli e la afferrano.

Barbagianni a passeggio con la preda gambero di fiume

9. I gufi usano spesso le zampe come mani.

Quando un gufo cattura un topo o un uccello, usa le sue zampe e i suoi piedi per nutrirsi. Può volare indietro verso un albero o addirittura consumare la preda proprio dove è atterrata. Usando gli artigli, il gufo guida la preda verso il suo becco. Di solito inghiotte la sua cena intera.

I gufi genitori usano le zampe per tenere ferma la preda mentre strappano pezzi di carne per nutrire i loro pulcini. Quando i gufi diventano abbastanza grandi da ingoiare il cibo intero, afferrano la preda dagli artigli dei genitori.

10. I piedi dei gufi possono "razzolare" su un trespolo per rilassare i muscoli quando riposano o dormono.

Se doveste dormire appollaiati su una scala di legno, riuscireste a farlo? I gufi lo fanno con facilità! Le loro zampe e i loro piedi sono adattati in modo particolare per appollaiarsi su rami e cornicioni stretti. Mentre le mani degli esseri umani sono aperte quando sono rilassate, le zampe dei gufi sono chiuse quando si rilassano. Questo rende facile passare ore e ore aggrappati a un ramo dell'albero.

Barbagianni che mostra le sue lunghe zampe piumate

Conclusione

Le zampe di un gufo possono essere nascoste da uno spesso strato di piumino e di piume esterne, ma sono comunque presenti: dalla cattura delle prede all'isolamento contro le basse temperature, le zampe di un gufo sono una parte indispensabile di ciò che lo rende un cacciatore efficiente e aggraziato.




Stephen Davis
Stephen Davis
Stephen Davis è un appassionato birdwatcher e appassionato di natura. Studia il comportamento e l'habitat degli uccelli da oltre vent'anni e ha un particolare interesse per il birdwatching da cortile. Stephen crede che nutrire e osservare gli uccelli selvatici non sia solo un hobby piacevole, ma anche un modo importante per entrare in contatto con la natura e contribuire agli sforzi di conservazione. Condivide le sue conoscenze ed esperienze attraverso il suo blog, Bird Feeding and Birding Tips, dove offre consigli pratici su come attirare gli uccelli nel tuo giardino, identificare diverse specie e creare un ambiente favorevole alla fauna selvatica. Quando Stephen non fa birdwatching, ama fare escursioni e accamparsi in remote aree selvagge.